Prestiti Lavoratori Autonomi: Requisiti e Garanzie

By | 27 gennaio 2016

Cerchi un prestito e sei un imprenditore? Non riesci a venire a capo di una situazione in cui, effettivamente, potrebbe essere complesso trovare dei prestiti lavoratori autonomi giusti per le tue necessità? In questa guida andiamo a vedere i requisiti e le garanzie necessarie per poter ottenere questo prestito.

Prestiti per lavoratori autonomi, partiamo dal principio

Prima di addentrarci nel mondo dei prestiti lavoratori autonomi dobbiamo necessariamente partire dalla base: è possibile ottenere un finanziamento se si ha un reddito da lavoro autonomo, se si è imprenditore di sé stesso? Artigiani, liberi professionisti, commercianti ed imprenditori in generale, possono avere successo nella richiesta di credito?

Si, possono farlo, ma ci sono diverse condizioni e criticità da considerare:

  • manca una busta paga che dà alla finanziaria la certezza di quello che si incassa mese dopo mese. Tutto il reddito dell’autonomo dipende dal suo lavoro, dalla sua capacità di trovare clienti, di mantenerli, e così via. Questo dà alla finanziaria o alla banca una minore sicurezza quando si tratta di decidere se concedere o meno un finanziamento
  • occorre dimostrare di avere un’attività imprenditoriale solida da almeno 2 anni. E’ questo il periodo minimo di vita che la propria azienda deve avere prima che la stessa sia considerabile come garanzia
  • scegliere la finanziaria giusta, poiché non tutte concedono prestiti a chi è autonomo. Una delle finanziarie più “aperte” da questo punto di vista è Agos Ducato

Nel momento della richiesta assume notevole importanza la dichiarazione dei redditi annuale, dalla quale la finanziaria deve evincere se il soggetto avrà sufficienti entrate monetarie da poter garantire (o quasi) il rimborso del finanziamento per tutta la sua durata.

Prestiti per autonomi: a chi rivolgersi

Come detto prima, non tutte le banche e finanziarie concedono prestiti autonomi. Ecco una tabella riepilogativa di Agos Ducato.

Istituti bancari Informazioni
Agos Ducato
  • da 2.750 € a 30.000 €
  • per autonomi e liberi professionisti
  • tasso fisso, rata costante
  • fino a 120 rate
  • a firma singola

Finanziamento per lavoratori autonomi: chi lo può richiedere

La domanda di un prestito personale da parte di lavoratori autonomi può essere fatta da tutti coloro che hanno un’attività imprenditoriale:

  • artigiani, anche di piccole imprese o individuali
  • commercianti
  • liberi professionisti, sia iscritti all’albo (come gli avvocati) che non
  • imprenditori in generale, sia di piccole che di grandi aziende

Come avviene l’erogazione di prestiti lavoratori autonomi

A seconda della finanziaria a cui ci si rivolge, è possibile vedere due principali tipologie di erogazione:

  • accredito sul proprio conto corrente bancario o postale, solitamente il metodo preferito delle società creditizie
  • assegno circolare al proprio domicilio (si parla anche di prestiti a domicilio, in questo caso)

Come rimborsare le rate

Anche il rimborso può essere fatto in due modi, a seconda di ciò che permette di scegliere l’istituto di credito cui ci si rivolge:

  • RID, ovvero l’addebito diretto della somma di denaro sul proprio conto corrente
  • bollettini postali, da pagare ogni mese presso le Poste

Tra le due soluzioni, la più veloce è senza dubbio il RID, l’addebito diretto sul conto corrente. Oltre che preferita da banche e finanziarie, è anche più sicura ed economica; sicura perché non si corre il rischio di dimenticarsi di pagare la rata mensile, economica perché di solito il pagamento di un RID periodico è gratuito, mentre il pagamento di un bollettino postale ha un costo aggiuntivo che bisogna considerare, mese dopo mese (alla lunga si potrebbe coprire tutto o parte del costo di una rata solo con i soldi risparmiati dal pagamento dei bollettini).

Prestito lavoratori autonomi: entriamo nel dettaglio

Il prestito per autonomi si può ottenere, a seconda della somma che si richiede e delle garanzie che si possono offrire, anche nel giro di 24/48 ore. Si tratta di prestiti veloci che possono far fronte sicuramente a delle necessità improvvise di denaro (una spesa medica oppure un viaggio urgente, ad esempio).

La somma minima che di solito si può avere è di 1.000 €, mentre quella massima arriva a 30.000 € – 50.000 € , a seconda della finanziaria e della durata finale del finanziamento.

La durata di rimborso, invece, va da 12-24 mesi fino a 120 mesi al massimo (alcune finanziarie permettono di arrivare fino a 84 mesi).

Questo tipo di finanziamento può essere chiesto sia presso una società finanziaria “reale”, che direttamente online. Tra le due soluzioni noi personalmente suggeriamo la seconda, in quanto spesso più conveniente.

Perché chiedere dei prestiti per lavoratori autonomi online?

Il vantaggio principale sta nei tassi di interesse, che spesso sono più convenienti su internet che presso le sedi fisiche di banche e finanziarie. Inoltre, con internet è tutto più veloce: la richiesta, l’approvazione e l’ottenimento del denaro, tanto che spesso sono sufficienti anche solo 24/48 ore per avere i soldi sul proprio conto corrente.

Ancora, grazie ad internet tutte le richieste possono essere fatte da casa.

Il prestito personale per autonomi può essere richiesto su internet inoltrando alla finanziaria una certificazione del proprio reddito e avendo una risposta (prestito accettato, prestito rifiutato) anche tramite telefono.

Prestiti per autonomi: considerazioni finali

Andiamo ora a vedere alcune considerazioni finali e riepilogativa sui prestiti per autonomi, attraverso questa comoda tabella.

Chi può fare domanda? Autonomi, liberi professionisti, imprenditori, commercianti
Fino a quanto si può avere? Di solito fino a 30.000 € – 50.000 €
Quanto tempo si ha per rimborsare la somma? Di solito fino a 84 – 120 mesi
Come velocizzare l’ottenimento del denaro? Fare richiesta su internet è il primo passo, poi rispondere velocemente ad eventuali richieste aggiuntive da parte della finanziaria
La dichiarazione dei redditi è sufficiente? Si, è l’unico documento ufficiale da cui potete attestare il vostro reddito. Tutto dipende da essa.
Se si hanno altri prestiti in corso posso avere lo stesso un prestito? Non ci sono limiti previsti per legge in merito. Tutto dipende dalla finanziaria, se è disposta a concedere un prestito pur avendone un altro (o più di uno) in corso.

Prestiti autonomi: domande e recensioni

Vi invitiamo a scrivere qui sotto se avete delle domande sui prestiti per autonomi, a qualunque categoria lavorativa voi apparteniate, vi risponderemo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *